via francigena - fornovo.aulla - Alpbike - Alpi Apuane e dintorni

Vai ai contenuti

Menu principale:

via francigena - fornovo.aulla

 
 

19.20 Agosto 2012
In viaggio sulle orme dei pellegrini - Fornovo Taro -Aulla lungo la Via Francigena

Ogni volta che mi viene l' idea di aprire un nuovo topic sul forum di mtb ,lo faccio con poca convinzione che altri seguano le mie proposte ,o meglio le mie idee,perchè di tali si tratta . Questo perchè , sin da quando ho iniziato ad utilizzare la bici da montagna , mi sono trovato ad affrontare quello che ritengo essere lo spirito di questo mezzo quasi sempre , ma piu sempre che quasi ..., da solo . Forse perchè come Lucilla (mia moglie...) ha sempre sostenuto , dove vado io neanche le capre ci arrivano, o,ancora, chi viene con me una volta non solo non viene piu ma probabilmente si dedica ad altre attivita ....
La conseguenza del non trovare persone che condividessero la stessa filosofia nell utilizzare la bici è stata per anni la rassegnazione a fare quello che sentivo e di consegenza affrontare escursioni, in solitaria  . Poi però qualche anno fa  è successo qualcosa.... la possibilità di entrare in contatto e conoscere persone al di fuori della cerchia quotidiana tramite il web ha fatto si che le distanze di spirito nell'affrontare escursioni in montagna o comunque in fuoristrada si accorciassero. E' paradossale che le più belle e significative escursioni le abbia condivise con persone (e personaggi ...(!) )che vivono mediamente ad almeno un centinaio di km da dove vivo io. Tutto ciò ha reso possibile la conoscenza di un vasto gruppo di persone con le quali continuo a condividere itinerari piu o meno impegnativi , piu o meno lunghi ,ma sempre con il solito spirito di godere le escursioni nella loro interezza , dall'ambiente alla....cucina ....
Parlo di splendide persone con le quali lo stare insieme a pedalare è divenuto qualcosa in piu della compagnia della singola gita , si è trasformata in una vera amicizia ...Non sto qui ad elencare i singoli nomi ,sono veramente tanti e poi  loro sanno bene di chi parlo  , e  rivolgo loro un affettuoso ringraziamento e l augurio di condividere ancora belle giornate ...
Ed eccoci cosi ad una nuova "impresa" , ed ecco alcuni  amici di cui parlavo ...
Fornovo Taro - Aulla , lungo la Via francigena  in due giorni
Trinkera , BuccoGt , Garfagnino ,The Evil ed io , Alpiko .
In questo giro solo the Evil non avevo ancora conosciuto personalmente, malgrado fosse stato uno dei miei primi "contatti " nel 2008...Garfagnino lo ho conosciuto durante la gelida (meteorologicamente parlando) gita al monte tondo in quel della garfagnana, Buccogt è oramai una vecchia (anche se piu giovane di tutti ...) conoscenza che ci ha tenuto compagnia nella traversata apuana..Trinkera è ...uno di famiglia !
###################################################################
Ed ora due righe sulla due giorni .....
Dopo alcune incertezze e rimandi dovuti essenzialmente al periodo festivo , riusciamo ad accordare la data del mini tour. Colui il quale ne fa le "spese piu grandi"  è jhonnytappo  che deve rinunciare in extremis per motivi di lavoro ....
GIORNO1 . DOMENICA 19 AGOSTO 2012
Domenica 19 ore 05.00   
La sveglia ci fa alzare da letto all'alba ,come oramai tradizione dei nostri tours; io,trinkera e the evil abbiamo appuntamento ad   aulla alle 6 con garfagnino e buccogt all uscita dell autostrada. In effetti la nostra intenzione era quella di utilizzare il treno per portarci a fornovo ed evitare di ritornare a riprendere le auto a giro terminato , ma ...lasciatemelo dire, siamo in italia e questa opzione non è stata possibile per diverse cause legate a trenitalia....(:::::)  . Come da tabella ci troviamo con mezz oretta di ritardo ma alle 8,30 ,dopo aver fatto colazione in una pasticceria carina a fornovo , partiamo , ovviamente subito in salita! .
La giornata ,come da orami tre mesi accade, è splendida e calda e le previsioni ci prospettano un nuovo compagno di viaggio : lucifero , il piu caldo anticiclone dell estate . I primi km si sviluppano su bitume ma in completa assenza di traffico veicolare. attorno a noi tipico paesaggio agreste emilano con terreni ottimamente tenuti , piccoli borghi a mo di vedetta e tante balle di paglia pronte per essere messe in cascina per l inverno ....Tutto è ben tenuto e noi pedaliamo tranquillamente in un clima di grande serenita gustandoci cio che viene offerto agli occhi. Lungo la strada una serie di paracarri con inserita una terracotta raffigurante un pellegrino ci ricorda che stiamo ricalcando la via francigena e ci riporta alla spirito che ci ha mosso a percorrerla...Usciamo dal bitume e lungo sentiero attraversiamo Caselle,Capanne ,Roncolongo e raggingiamo Sivizzano.


Il caldo comincia a pcchiare forte  e malgrado il profilo altimetrico non sia particolarmente "cattivo " le salite che conducono ai borghi attraversati si fanno sentire . vorrei spendere due parole , solo due , proprio su questi paesi : siamo tutti rimasti impressionati da come siano conservati e mantenuti , perfettamente restaurati . trasmettono un senso di tranquillita e di pulizia che sinceramente non ha uguali nei nostri territori ......
Proseguiamo lentamente e ogni fontana incontrata ci permette di raffreddare ...a liquido le nostre teste!
Superiamo cosi Villanova di sotto , villanova e raggiungiamo Bardone .
Non siamo certo in ambiente alpino , ma lo scenario è veramente  fantastico ed appagante ! Siamo tutti entusiasti e proseguendo tocchiamo Terenzo, Castello di Casola e dopo un lungo e bellissimo sentiero lungo i Salti del Diavolo , raggiungiamo Cassio dove vista l ora facciamo sosta per rifocillarci . Lo facciamo ne l bar proprio di fronte all ostello di cassio , fratello di quello della cisa dove passeremo la notte , ma piu piccolo .  
Molto ingenuamente pensiamo di essere ad un buon punto della prima giornata e cosi tiriamo la sosta un po alla lunga. In realta la parte che ci divide dal letto per la notte sara quella in cui soffriremo ...fatica caldo e dislivello .

La nostra prossima meta sara il centro di Berceto via Castellonchio , altro bel borgo splendidamente mantenuto con l ennesima provvidenziale fontana che ci permette di ottenere un po di refrigerio.
Berceto è una piccola,carina  cittadina , essendo tra l altro domenica è particolarmente affollata e noi zig zagando tra bancarelle di un vivace mercato raggiungiamo quella che sembra essere la piazza principale con tanto di fontana pubblica erogante tra l altro nientemeno che acqua frizzante ....
Qualche foto e poi tutti dentro una gelateria ....
Quando ripartiamo abbiamo da affrontare un notevole dislivello lungo un sentiero che sembra non finire mai....

La ripartenza da berceto avviene un po a malincuore perche ci eravamo veramente ...messi comodi e rilassati.
Ma vogliamo raggiungere l ostello prima che faccia buio e la strada da percorrere non è cosi breve.
Lo spirito è il solito della mattina appena partiti ed il gruppo è veramente affiatato  e l'ambiente circostante è veramente appagante ....Ma la fatica dei km percorsi , del caldo e del ...gozzoviglio comincia veramente a farsi sentire. Saliamo decisamente lungo un comodo ma ripido sentiero che sale costantemente senza dare respiro. Tocchiamo La chiastra, Monte Conca ,Monte Formigare fino a Monte Valoria dove finalmente un bivio ci fa perdere il sentiero 00 per scendere lungamente sino ad incontrare il bitume poche centinaia di metri prima del punto tappa odierno . Non prima di attraversare una radura con ruscello dove dei magnifici cavalli vivono allo stato brado .
L 'ostello è affollatissimo da clienti "della domenica" che probabilmente hanno cercato un po di refrigerio in quella che scopriremo essere stata al piano la giornata piu torrida dell anno .
Siamo affamati e abbastanza cotti cosi in attesa della cena ci ristoriamo con taglieri di formaggi  e ovviamente tanti liquidi ,analcolici ma soprattutto alcolici. Il tutto servito da un tipo che definire cabarettistico sarebbe il minimo ....Il pomeriggio termina con una doccia ristoratrice e la sistemazione nelle camere. L'ostello è  una casa cantoniera recuperata e ristrutturata  piuttosto bene . Segue la cena sempre con lo strano ma simpatico personaggio , due chiacchere e poi tutti a nanna . io garfagnino e buccogt in una camera e trinkera e the evil in un altra . spenta la luce , dopo 15 secondi di orologio qualcuno russa gia.... buonanotte!!!1

GIORNO 2 . LUNEDI 20 AGOSTO 2012
Ma
lgrado le fatiche della domenica non siano svanite , ci alziamo puntualmente  alle 7.00.La notte è stata tranquilla e tutto sommato il clima ha contribuito al nostro riposo: infatti abbiamo dormito a finestre chiuse e con pure un lenzuolino....Fatta colazione e la foto di rito siamo pronti per partire.Raggiungiamo il Passo della Cisa su bitume . Poco sopra  la chiesetta superiamo la Porta Toscana della Via Francigena  ed iniziamo a pedalare in un magnifico sentiero nel bosco . A breve però il primo intoppo della giornata: il trinkera nel saltare un canaletto trasversale  sradica letteralmente il forcellino del cambio e qualche raggio. Risultato : una sosta di circa un ora e mezza per permettere a quel diavolo di  The Evil di rattoppare il tutto e non lasciare completamente a piedi il trinky.

Riprendiamo il cammino fiduciosi e affascinati dal nostro terreno di pedalata . Ma la buona sorte oggi sembra non esserci vicina. Siamo afflitti da una bucatura dopo l altra , pizzicature e stallonamenti.... una serie infinita ....peccato perche il percorso è gradevole e divertente e le soste continue ci spezzano il ritmo. per di piu siamo senza viveri al seguito perche avevamo (mal)calcolato che saremmo arrivati a pontremoli per ora di pranzo.  

Il percorso continua piuttosto impegnativo; incontriamo agglomerati di case e le fontane sono per noi manna dal cielo . il caldo al di qua del passo è decisamente torrido , lucifero ora lo sentiamo forte e chiaro. le continue soste ci hanno veramente spezzato il ritmo e per di piu siamo molto in ritardo sulla tabella di marcia . sara per il caldo sara per la fame che comincia anch essa a farsi avanti , ci sembra il sentiero non terminare mai e il dislivello da coprire è ancora tanto. ma come sempre riusciamo a divertirci e scherzare. In realta il percorso di questa giornata è veramente bello e lo sappiamo apprezzare tanto che gia tra il gruppo si fa avanti l idea di riproporlo come singolo itinerario...
cosi tra una pedalata e una camminata attraversiamo groppoli,topelecca,e finalmente raggiungiamo Arzengio , da dove in picchiata raggiungiamo POntremoli. sono quasi le 16.00 . è caldo , siamo affamati e come cani randagi vaghiamo per la cittadina alla ricerca di cibo. il trinky addocchia una mucca gigante davanti ad un locale , timidamente chiediamo se possono farci almeno un panino ...et voilà alla carta un tipico piatto di testaroli della lunigiana. !!!!! non potevamo sperare di meglio vista l ora ....


Siamo in ritardo , dobbiamo rientrare a Ortonovo e oltretutto trinkera è in singlespeed a causa del citato inconveniente meccanico . Le auto a fornovo sono quelle di trinkera e di garfagnino e dovremmo andarle a recuperare con la mia. facendo due rapidi calcoli sui tempi decidiamo il da farsi: bucco e the evil  restano a pontremoli a fare guardia alle bici , trinke e garfa rientrano a fornovo in treno a recuperare le auto . risultato : il povero iko si dovra sciroppare i km che lo separano da ortonovo da solo ...
cosi , rassegnato mi avvio e tra bitume e sterrato raggiungo scegliendo l itinerario della vf per bici Arpiola,Canossa ,Campoli e Lusuolo . da qui scendo a terrarossa e poi ad aulla . sono abbastanza stanco ma non cosi tanto da non prenderein considerazione   il tragitto della vf che da aulla mi porterebbe a bibola, vecchietto e poi ai sentieri dove sono praticamente di casa. sono tentato ma ora è veramente tardi , arriverei con il buio e poi visti gli inconvenienti della giornata mi dico che non è il caso di sfidare il destino . proseguo lungo il bitume della ss , io che non sono abituato alle strade , raggiungo santo stefano magra e poi sarzana . da qui almeno se non posso  evitare l asfalto almeno ho la possibilita di fare strade interne . è caldo , da aulla a sarzana bevo 3,5 l di acqua e 0,5 di cocacola . ....
sono a casa ,stanco ma felice , come sempre in questi casi .
Il percorrere questo tratto di via francigena ci è veramente piaciuto , è decisamente piacevole ed appagante. Voglio ringraziare i miei amici  di viaggio  per la splendida compagnia . Non si potrebbe desiderarne una migliore!
ed ora a studiare un nuovo itinerario !
PEDALAREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!
alpiko   

I COMPAGNI DI VIAGGIO DELLA 2 GIORNI:

buccogt
The Evil
garfagnino
trinkera
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu