Trek_1 - Alpbike - Alpi Apuane e dintorni

Vai ai contenuti

Menu principale:

Trek_1

Itinerari_Trek

Foce di Pianza-Sentiero39-Vinca-Ponte di Vinca-Lizza del Balzone-Foce di Pianza



L'itinerario prende avvio dalla Foce di Pianza,spiazzo marmifero ai piedi del monte Sagro,a ridosso della omonima cava tuttora attiva,dove parcheggiamo l'automobile.La foce e raggiungibile da Carrara seguendo la carrozzabile per Campocecina;dal valico della Spolverina dopo circa 9km da Carrara , si raggiunge dapprima la localita LA MAESTA' , poi la GABELLACCIA o DOGANA DELLA TECCHIA (m.895).A circa 9 km dalla Spolverina giungiamo al Colle dell 'Uccelliera ,panoramico spiazzo da cui si puo godere del dantesco scenario del piu grande bacino marmifero del mondo.Proseguendo con l'auto verso il monte Sagro,(dritti si andrebbe a Campocecina,raccomandabile...)in circa 1 km si giunge alla zona carsica di Pianza,punto di partenza.



Scendiamo nel bacino della cava del Sagro seguendo,per la verita un po a fatica ,i segnavia bianco rossi che ci conducono su quella che avrebbe dovuto diventare ,secondo un progetto nato a meta degli anni 60,la strada gran turismo che avrebbe messo in comunicazione Carrara con Vinca e successivamente con la Garfagnana.Seguiamo questo tratto di strada ignorando quella che sulla sinistra ,scende verso il Balzone che andremo a percorrere nel ritorno.La strada aggira sulla destra lo sperone nordoccidentale del Sagro con bella veduta sulla valle di Vinca e sulla cresta di Nattapiana - Pizzo d'Uccello ,sale per un breve tratto e termina in corrispondenza di un bosco dove ,dopo un ripido tratto in discesa inizia il vecchio sentiero n.39 che ci condurra a Vinca.

Il sentiero è stato usato da generazioni di cavatori che da Vinca salivano nel bacino marmifero del Sagro.Il sentiero scende poi piacevolmente nel bosco e a tratti ai piedi del Puntone della Piastra su roccia talvolta letteralmente scolpita e scalinata a mano dai cavatori.In circa un'oretta arriviamo ad attraversare il torrente Lucido e da li a Vinca per un secolare castagneto prima e per strada in seguito.Qui giunti possiamo senz'altro fare una sosta gustando con lo sguardo le montagne che circondano questo isolato paese nato pare dalla fuoriuscita di profughi dalla colonia di Luni,che fu sede di una delle piu atroci stragi perpetrate dalle squadre naziste in fuga alla fine della seconda grande guerra.

Scendiamo lungo la strada asfaltata in direzione Monzone per circa un km fino a giungere a quota 420m slm dove si attraversa sulla sinistra un ponticello di legno sul Lucido che ci porta ad una via marmifera che percorriamo in salita lungo la "Canalonga" fino all'(attuale) inizio della via di lizza che ci portera sotto il bacino del Sagro.La lizza inizialmente franata e quasi irriconoscibile nel proseguio del nostro cammino si ripresenta integra e mostra la sua imponenza e l'ardimento.Scavata nella parete del Balzone,presenta ancora i segni indelebili dell'attivita di scivolamento del marmo effettuata ,anche dopo la costruzione della teleferica(vi rimandiamo alla sezione ARCHEOMARMO),fino alla meta degli anni 60 e comunque sino alla realizzazione della strada carrozzabile da Carrara ,che ha spostato il trasporto del bianco materiale sul versante marino.
La lizza prosegue incavata tra le strette pareti del Balzone (attenzione alle pietre viscide a causa dell'acqua) fino ad arrivare sulla sterrata che ci ricondurra nella cava del Sagro e al punto di partenza del nostro itinerario.
Complessivamente ci impegnera per non piu di 5 ore e comunque rientra bene in un itinerario giornaliero da affrontare con la calma e tranquillita dovuta.Il dislivello complessivo e notevole,di circa 1000 metri ,non presenta particolari difficolta ,necessita come sempre di attenzione specie in alcuni punti un po ripidi sia in discesa sia in salita.Lo spettacolo che ci si presenta in alcuni tratti e veramente notevole,con viste panoramiche sulla valle di VINCA e sulle vette circostanti.Interessantissimi alcuni tratti nella discesa su Vinca scavati nella roccia e soprattutto nella risalita della lizza....

NOTA: TUTTI I DATI E LE CARATTERISTICHE SONO FORNITI A TITOLO INDICATIVO E NON SONO VINCOLANTI . I TEMPI DI PERCORRENZA E LE CARATTERISTICHE DEI TREK NON SONO OGGETTIVI E VANNO CONSIDERATI COME BASE DI PARTENZA NELLA LORO PIANIFICAZIONE .
SI RACCOMANDA DI INFORMARSI PREVENTIVAMENTE PRIMA DI PIANIFICARE I TREK , DI FARSI ACCOMPAGNARE DA PERSONE ESPERTE E DI PARTIRE OPPORTUNAMENTE ATTREZZATI E FISICAMENTE PREPARATI.
RICORDARE SEMPRE CHE LE APUANE SONO ALPI E COME TALI VANNO AFFRONTATE...

TUTTI I TESTI E LE FOTOGRAFIE NON SONO RIPRODUCIBILI SENZA IL CONSENSO SCRITTO DI ALPBIKE



 
Torna ai contenuti | Torna al menu